Perché studiare Informatica

Home > Presentazione > Perché studiare Informatica

 

Perché studiare Informatica

Certificazione di qualità

Il GRIN (Gruppo in Informatica - l'organizzazione nazionale dei docenti e ricercatori di Informatica) ha istituito dal 2004 un certificato che attesta la qualità dell'organizzazione didattica dei Corsi di Laurea in Informatica italiani.
Il Corso di Laurea in Informatica ha già ricevuto tale certificato nazionale di qualità
Inoltre, a partire dal 2005, il Corso di Laurea è stato accreditato dalla Regione Piemonte, a seguito di una visita e di una verifica sulla sua buona organizzazione e sul suo buon funzionamento. Questa valutazione, ribadita in controlli successivi, è un'ulteriore conferma dell'elevata qualità del servizio che offriamo agli studenti.

bollino certificazione grin laurea triennale 

Laurea in breve

NEW! Consulta la Guida al Corso di Laurea e Manifesto degli Studi.

Per maggiori dettagli sulla Laurea in Informatica è possibile consultare la relativa Scheda Unica Annuale (SUA) sul portale MIUR Universitaly o lo Scenario didattico di Ateneo.

Confronto con Ingegneria Informatica del Politecnico di Torino

I dati che seguono mostrano i principali contenuti dei due percorsi con i relativi CFU (Crediti Formativi Universitari) a confronto.
Entrambi i percorsi consentono di sostenere l'Esame di Stato per l'abilitazione alla professione di Ingegnere dell'Informazione.

Tabella esami a confronto
  Ingegneria InformaticaInformatica
Esami di Matematica, fisica, chimica 50 CFU 50 CFU
Esami di Informatica 50 CFU 100 CFU
Elettronica, telecomunicazioni 45 CFU 0 CFU
Automatica 10 CFU 0 CFU
Altro 25 CFU 30 CFU

Curricula

Il Corso di Laurea in Informatica (classe L-31, D.M. 270) si articola in tre diversi curricula con i primi due anni in comune, dedicati allo studio di materie propedeutiche per gli insegnamenti degli anni successivi. Nel primo anno sono presenti insegnamenti di matematica e di introduzione alla struttura dei calcolatori e alla programmazione. Per gli studenti del primo anno, i 'pre-corsi' di Matematica Discreta ed Analisi Matematica si svolgeranno all’interno dell’orario del singolo insegnamento. Per gli studenti del secondo anno, i 'pre-corsi' di Fisica si svolgeranno all’interno dell’orario del relativo insegnamento.

Tutti i curricula affiancano alla didattica svolta in aula delle ore di didattica in laboratorio e prevedono la formazione anche in ambiti disciplinari di cultura generale come diritto, lavoro di gruppo e conoscenza della lingua inglese.

Lo studente della Laurea in Informatica dovrà scegliere al terzo anno uno tra i seguenti curricula:

Titolo rilasciato

Il Corso di Laurea in Informatica rilascia il titolo di "Dottore in Informatica".

CFU - Crediti Formativi Universitari

Per il Corso di Laurea in Informatica è stabilito che ogni CFU (che, ricordiamo, corrisponde per legge a 25 ore di lavoro per lo studente) sia equivalente a 8 ore di lezione (10 di esercitazione) + 17 ore di studio individuale. Per facilitare l'inserimento nel mondo universitario, si propone un primo anno più leggero, di soli 57 CFU, seguito da due anni di 60 e 63 CFU
Gli studenti potranno comunque, secondo il Regolamento Studenti di Ateneo (reperibile sul sito web dell' Università degli Studi di Torino, nella sezione relativa alla documentazione), presentare un carico didattico secondo le norme descritte in vigore (si veda la guida dello studente e manifesto degli studi). Ricordiamo che, nella definizione del carico didattico occorre rispettare le propedeuticità di frequenza.

La Laurea in Informatica prevede 180 CFU. Le unità didattiche costituiscono (primo e secondo anno in comune più terzo anno di ciascuno dei due curricula) 156 CFU. I restanti 24 CFU sono così suddivisi: 12 CFU per lo stage e la prova finale e 12 CFU liberi, a scelta dello studente. Le opzioni per gli insegnamenti liberi cambiano a seconda del curriculum.

Tempo piano/parziale

Gli studenti a tempo pieno possono laurearsi nei tre anni previsti, ma devono dedicare tutte le proprie energie (lavorative) allo studio. Facendo un po' di conti sui CFU, in media si hanno 60 crediti all'anno, che corrispondono a 1500 ore di lavoro
Se però uno studente intende dedicarsi solo parzialmente allo studio (se, ad esempio, ha anche un'attività lavorativa), può iscriversi a tempo parziale. Lo svantaggio è che non sarà più possibile laurearsi in tre anni; il vantaggio è che le tasse annuali sono inferiori e che lo studente non si trova costretto a seguire un ritmo di studio eccessivo. Si tratta quindi di una scelta importante, che va fatta dopo un'attenta valutazione delle due alternative. Si noti che la scelta viene effettuata ogni anno e non ci sono problemi nel cambiarla da un anno all'altro.